Un peso per tutti Header Sito_1_2
Un peso per tutti mobile
Sequestro di sigarette: i numeri

Il sito Unpesopertutti.it nasce con l’obiettivo principale di monitorare con puntualità le attività di sequestro di sigarette di contrabbando.

I numeri dimostrano come il traffico di tabacchi illeciti abbia riacquistato in Italia un vigore che non si registrava da tempo.

In particolare, sempre più frequenti sono i sequestri di sigarette di contrabbando: solo le attività della Guardia di Finanza hanno portato nel 2016 al sequestro di circa 243 tonnellate di sigarette di contrabbando, aumentate poi nel 2017 a 272 tonnellate.

Tra le attività di contrasto al contrabbando operate dalla Guardia di Finanza, di particolare rilievo è sicuramente il maxi sequestro di sigarette avvenuto a Pavia nell’autunno del 2017 che, oltre a 44 tonnellate di tabacchi illeciti sequestrati, ha portato allo smantellamento della prima fabbrica illegale di sigarette rinvenuta in Italia.

La relazione dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) pubblicata nel 2016, ha evidenziato come le sigarette illecite risultino tra i prodotti più diffusi sul mercato nero, motivando così il grande interesse delle organizzazioni criminali per questa tipologia di commercio, importante forma di guadagno che viene affiancata ad altre attività illegali.

Il contrabbando di sigarette infatti, comporta bassi costi e rischi limitati rispetto ad altri tipi di reato, con un margine di guadagno per ogni pacchetto di sigarette estremamente elevato. Desta particolare preoccupazione inoltre la diffusione nel nostro Paese delle cosiddette Illicit Whites, sigarette prodotte lecitamente in alcuni Paesi e introdotte illegalmente entro i confini nazionali, dove avrebbero distribuzione limitata o non concessa e dove, soprattutto, vengono vendute senza l’assolvimento delle imposte doganali. A tal proposito, il SUN Report 2017, la ricerca redatta da KPMG e commissionata dal Royal United Services Institute for Defence and Security Studies (RUSI) allo scopo di valutare la natura e le dinamiche dei flussi illegali di sigarette in UE, Norvegia e Svizzera dichiara che, nel 2017 il consumo di sigarette di contrabbando e contraffazione ammontava a circa il 7% del consumo totale di tabacchi nella sola Unione Europea.

I prodotti illeciti (contrabbando e contraffazione) nel 2017 in Italia hanno rappresentato il 4,8% del consumo totale di tabacco e la maggior parte di questi prodotti illeciti è costituita da Illicit Whites, che nello stesso anno hanno rappresentato il 61% del totale dei prodotti illeciti.

Significativi sono inoltre i dati derivanti dall’Empty Pack Survey (EPS), ricerca condotta su un campione di circa 40 città italiane che, basandosi sulla raccolta di pacchetti di sigarette vuoti e ritrovati al suolo, monitora la presenza e il consumo di sigarette illecite e i trend di evoluzione. Da questo studio emerge che in città come Napoli e Palermo, nel 2017 più di un terzo dei pacchetti di sigarette in circolazione sia illegale. Un valore allarmante anche in altre città come Catania, Messina, Reggio Calabria, Salerno e Trieste.

Fondamentale a questo proposito risulta dunque l’attività di contrasto al contrabbando che, oltre ad essere di sostegno alla legalità e alla tutela della salute, limitando il consumo di prodotti la cui qualità non è garantita, rappresenta anche un importante contributo per la salvaguardia e lo sviluppo dell’economia italiana. Combattere il contrabbando significa infatti difendere anche un numero considerevole di posti di lavoro legati alla catena distributiva che accompagna ogni prodotto nel suo percorso lecito dalla produzione al consumo. Ed è proprio in questo senso che il sito Unpesopertutti.it intende dare il proprio contributo, dando spazio ad analisi, ricerche, eventi che affrontano il fenomeno del traffico illecito di tabacchi, con l’obiettivo di fornire una visone sempre più ampia e completa di un fenomeno che non si può assolutamente sottovalutare. 

NEWS